Il Grande Parco e il nuovo Pinocchio del terzo millennio

Metamorfosi ha avviato nel 2014 il percorso che porta alla realizzazione del Grande Parco di Pinocchio in Collodi. In prima battuta si è assicurata la disponibilità delle aree (60 ettari) e la Regione Toscana con l’approvazione del PIT, Piano di indirizzo territoriale con valenza paesaggistica, avvenuta il 27 marzo 2015, ne ha ammesso la fattibilità.

Il Grande Parco sarà rivolto alle famiglie in una logica di integrazione completa con il meraviglioso ambiente naturalistico nel quale sarà ubicato ed avrà come obiettivo primario quello di trasmettere forti emozioni al visitatore. Sarà altamente spettacolare con uno sguardo al passato ma proiettato nel futuro.

Lo sviluppo del percorso è basato su sette borghi storici ottocenteschi, perfettamente ricostruiti e coevi con Carlo Lorenzini, che faranno prendere forma al libro. La loro integrazione completa con l’ambiente circostante permetterà di apprezzare innovazione e creatività, il visitatore sarà pervaso da emozioni, avvolto da colori, profumi e suoni che lo faranno vivere immerso nel mondo magico di Pinocchio. Un tuffo nel libro dove però far attenzione a non essere ingoiati dal pescecane.

Il Grande Parco avrà una forte valenza educativa con grande attenzione alle scolaresche.

Seguendo metodologie progettuali all’avanguardia, al fine di rispettare il più possibile Territorio e Ambiente, la società Metamorfosi ha sviluppato un Masterplan partendo da un’analisi del quadro conoscitivo, che ha condizionato diverse scelte progettuali e che, attraverso il suo approfondimento in itinere, le condizionerà nelle fasi che porteranno alla stesura del progetto esecutivo finale.

Il Grande Parco avrà come interlocutore culturale e storico la Fondazione Nazionale Carlo Collodi, proponendo ai visitatori di apprezzare le opere di Greco, Venturi, Consagra, Zanuso preesistenti nel Parco Storico, prima di portare il visitatore ad immergersi nella realtà fantastica a cavallo tra storia e realtà aumentata, 1881 e futuro.

Masterplan del Grande Parco di Pinocchio
e foto satellitari (a destra)
della sua ubicazione.