Il Parco Indoor

Rendering _ parco indoor

L’IMPATTO DEL PARCO INDOOR:

•   prenderà il via nel 2017
•   comporterà investimenti per 20 milioni di euro
•   darà lavoro a 300 persone, di cui 60/70 diretti
•   accoglierà 250-300.000 visitatori l’anno

rametto

L’acquisizione della  ex Cartiera Panigada consentirà  di  aprire in tempi  brevi il Parco Indoor Edutainment, nel cuore di Collodi, in un edificio di impianto ottocentesco già esistente ai tempi di Carlo Lorenzini, che aumenterà la magia del Parco con le atmosfere degli stessi luoghi in cui Pinocchio ha avuto origine. Il Parco Indoor è destinato ad accogliere 300.000 visitatori l’anno, a occupare in modo stabile 60/70 risorse (300 comprendendo l’indotto), a realizzare 20 milioni di euro di investimenti.

DSC03944La vision di Metamorfosi SpA è orientata a creare, con la collaborazione degli Attori dello sviluppo, una identità forte di destinazione per il territorio della Valdinievole e della Lucchesia, con importanti riflessi a livello regionale.

Il  progetto è in coerenza con le linee di governance della Regione Toscana e, a tal fine, saranno intensificate le relazioni col territorio per  mettere  a  sistema le opportunità di collaborazione pubblico/private. Il progetto ha l’ambizione  di  sfidare  i  grandi attrattori internazionali dell’Edutainment, dando a Pinocchio, grande brand internazionale, il  ruolo di ambasciatore della Toscana che si sviluppa e sa competere nel mondo con creatività, design, tecnologia, nuovi modelli. Un laboratorio creativo – in cui la NaturaIMG_8335 sarà grande protagonista ed elemento di novità per un parco divertimenti – che darà alla Toscana il ruolo di regione di eccellenza nel turismo familiare e del buon vivere.

Ampio spazio sarà dedicato, in collaborazione con le Istituzioni culturali ed educative, a coinvolgere giovani e scuole, educatori e famiglie in progetti di partecipazione sociale e diritti dei minori, sviluppando un percorso a cavallo tra il marketing turistico e sociale, tra entertainment e strumenti educativi, puntando a realizzare laboratori giovani/scuola/famiglia  e  una  nuova  concezione  dei Games come strumenti vivi di civismo e cittadinanza responsabile.